Release Based

Il percorso in per Insegnante di Danza Contemporanea Release Based ha come scopo quello di insegnare le nozioni base per un corso principianti di danza contemporanea. Con  la tecnica Release, che partendo da “principi” e non dall’estetica, pone alla base del training la convinzione che il corpo ha bisogno di rilassare alcune “parti” provocate da tensioni muscolari per potersi muovere liberamente e con maggiore flessibilità, ponendo l’attenzione sulla struttura dello scheletro e sui naturali effetti del movimento sulle articolazioni. La lezione parte da questi principi, e si basa su uno stile di movimento fluido e naturale, ma anche molto energico, in cui il corpo è preparato ad assecondare qualsiasi movimento, sospeso e/o attaccato, permettendo di lavorare su diverse dinamiche e sulla qualità dell’espressione del movimento, per una consapevole proiezione del corpo nello spazio.

Assicurare unʼadeguata padronanza dei metodi e contenuti nonché lʼacquisizione delle conoscenze di base a livello storico, teorico, metodologico e pratico della  danza contemporanea. Inoltre acquisire nozioni dellʼuso dello spazio, tempo e forma che sono gli elementi base che compongono la formazione di un danzatore nellʼambito della danza contemporanea.

Il candidato preparare una lezione di danza in forma pratica e teorica e inoltre dovrà sostenere un esame pratico e teorico della metodologia sulla tecnica della danza contemporanea con accenni storici studiati nella formazione. La valutazione di tale prova consisterà nel verificare la conoscenza delle caratteristiche principali della la danza contemporanea nello sviluppo in America che in Europa.

 

2 Offerte Formative:

 

Percorso per NON Professionisti

Il percorso formativo per NON Professionisti prevede il seguente piano di studio:

 

 

 

Programma didattico di 1° livello:

1 Materia Teorica: Anatomia di base

1)     Conoscere l’utilizzo dei vari tipi di  respirazione negli esercizi iniziali della lezione, e l’importanza della “voce guida”;

2)     Le prime nozioni del “floor work” (esercizi a terra): la respirazione, riscaldamento della colonna vertebrale;

3)     L’inizio dell’utilizzo delle immagini e l’importanza di tale metodo;

4)     Prime nozioni di semplici leggi fisiche, ad esempio la forza di gravità;

5)     L’importanza dello stretching statico;

6)     La spiegazione dei vari livelli compresi nella tecnica contemporanea;

7)     Nozioni base per raggiungere la conoscenza dello spazio intorno al corpo (Visionare il DVD Joseph Fontano in Action);

8)     Prime nozioni sull’allineamento del corpo e utilizzo del pavimento nel “floor work”;

9)     Esercizi di riscaldamento che portano alla conoscenza della reale libertà del corpo;

10)   Dinamica (effort);

11)   Musicalità: utilizzo del livello base dei vari ritmi;

12)   Nozioni sull’importanza del “Cool down” (il momento finale della lezione stessa).

 

Percorso didattico di 2° livello:

1 Materia Teorica: Storia della Danza

1)     Sviluppo dell’utilizzo dei vari tipi di  respirazione negli esercizi iniziali della lezione, e  lo sviluppo della “voce guida”;

2)     Nozioni di “floor work” (esercizi a terra): la respirazione, riscaldamento della colonna vertebrale, conoscenze del sistema nervoso, il contatto con il pavimento, ricevere “informazioni” attraverso il tatto;

3)     Utilizzo delle immagini e l’importanza di tale metodo, ampliando il “vocabolario” per  dialogare in modo più diretto con gli allievi;

4)     Prime nozioni di semplici leggi fisiche, ad esempio la forza di gravità e utilizzo su varie parti del corpo, in particolare la   forza di gravità;

5)     L’importanza dello stretching statico, area del bacino e la schiena, twisting e peso;

6)     Sviluppare  conoscenza dei vari livelli compresi nella tecnica contemporanea;

7)     Nozioni base per raggiungere la conoscenza dello spazio intorno al corpo, introduzione di metodo Laban per comprendere lo spazio;

8)     Metodi  per l’allineamento del corpo, al centro e fuori centro;

9)     Esercizi di riscaldamento che portano alla conoscenza della reale libertà del corpo;

10)   Combinazioni in piedi al centro che sono basate sulla respirazione, sull’allineamento, e sul cambiamento di livello, primi esercizi nello spazio;

11)   Dinamica (effort), forma, spazio;

12)   Musicalità:  utilizzo di una frase musicale “aperta”;

13)   Lo Sviluppo del “Cool down” (il momento finale della lezione stessa).

 

Percorso didattico di 3° livello:

1 Materia Teorica: Tecniche di supporto per Danzatore

1)    Sviluppo  dell’utilizzo dei vari tipi di  respirazione negli esercizi iniziali della lezione per una classe avanzata;

2)    Le prime nozioni del “floor work” (esercizi a terra): la respirazione, riscaldamento della colonna vertebrale, conoscenze del sistema nervoso, il contatto con il pavimento, ricevere “informazioni” attraverso il tatto, favorire l’utilizzo dei 5 sensi. Cambiamento di livelli e spostamento del corpo nello spazio;

3)    Come “guardare”, per correggere, l’allievo durante la lezione in modo più efficace, creando un dialogare più diretto;

4)    Sviluppare la conoscenza della forza di gravità con il copro nello spazio;

5)    Esercizi per lo  stretching statico del corpo intero;

6)    Sviluppare  la conoscenza dei vari livelli compresi nella tecnica contemporanea con la con la colonna vertebrale in varie posizioni;

7)    Nozioni base per raggiungere la conoscenza dello spazio intorno al corpo, introduzione di metodo Laban per comprendere lo spazio;

8)    Allineamento del corpo, al centro, fuori centro e nei cambiamento dei livelli;

9)    Esercizi di riscaldamento del corpo intero per una classe avanzata;

10)  Combinazioni in piedi che sono basate sulla respirazione, sull’allineamento, e sul cambiamento di livello;

11)  Dinamica (effort), forma, spazio, direzioni, relazioni e contatto;

12)  Musicalità:  utilizzo di un “tappeto musicale”;

13)  Combinazioni di movimenti nello spazio per una classe avanzata;

14)  Lo Sviluppo totale del “Cool down” e dello stretching finale.

Percorso per Professionisti

La tecnica Release, è una tecnica di danza contemporanea nata negli Stati Uniti intorno agli anni 70.

I fondamenti basilari di questo “approccio” alla danza sono:

recupero dell’organicità del movimento; fluidità, elasticità, scioltezza delle articolazioni, consapevolezza dello spazio, del peso, del tempo e del flusso del movimento.

La tecnica Release insegna l’ascolto del proprio corpo e sulle sensazioni cinestetiche individuali. Durante la lezione si esploreranno i principi del movimento organico che si origina dall’uso della muscolatura profonda e articolare.

Utilizzando semplici leggi fisiche, come ad esempio la forza di gravità, gli allievi sono messi nella condizione di danzare utilizzando il minimo dispendio energetico. Alla base dell’uso della forza di gravità sta il supporto: la danza classica tende ad elevarsi verso il cielo, la tecnica della danza contemporanea Release , invece, tende a ritornare alla terra e a sfruttarla al meglio..

1)   L’utilizzo dei vari tipi di  respirazione negli esercizi iniziali della lezione;
2)    Nozioni fondamentali del “floor work” (esercizi a terra): la respirazione, riscaldamento della colonna vertebrale, conoscenze del sistema nervoso, il contatto con il pavimento, ricevere “informazioni” attraverso il tatto, favorire l’utilizzo dei 5 sensi;
3)   Come “guardare”, per correggere, l’allievo durante la lezione in modo più efficace, creando un dialogare più diretto (voce guida);
4)  Nozioni principali di semplici leggi fisiche, ad esempio la forza di gravità;
5)  Esercizi per lo  stretching statico (short – long stretch) L’importanza dello stretching, area del bacino, la schiena, twisting e peso;
6)  Sviluppare  la conoscenza dei vari livelli compresi nella tecnica contemporanea con la con la colonna vertebrale in varie posizioni;
7)  Nozioni fondamentali per raggiungere la conoscenza dello spazio intorno al corpo, introduzione di metodo Laban per comprendere lo spazio (qualità di movimento) – dinamica (effort), forma, spazio, direzioni, relazioni e contatto;
8)  Allineamento del corpo, centro, fuori centro e nei cambiamento dei livelli;
9) Cambiamento di livelli e spostamento del corpo nello spazio;
10)  Combinazioni in piedi che sono basate sulla respirazione, sull’allineamento, e sul cambiamento di livello;
11) Musicalità: tempo binario e  tempo ternario;
12)  Musicalità: utilizzo di un “tappeto musicale”, utilizzo di una frase musicale “aperta”;
13)  Combinazioni di movimenti nello spazio (come sviluppare e creare);
14 “Cool down”  da usare per la fine della lezione.

Da leggere:

http://www.contemporary-dance.org/release-technique.html
http://www.oltredanza.it/danza__contemporanea_cos%27%C3%A8.htm
https://it.wikipedia.org/wiki/Danza_contemporanea

Titolo riconosciuto: Diploma Nazionale in Insegnante di Danza Contemporanea riconosciuto da C.S.A.IN e WDA Europe

Joseph2

Docente: Joseph Fontano (Coreografo Internazionale e iniziatore della Danza Contemporanea in Italia. Docente di ruolo presso l’Accademia Nazionale di Danza di Roma)